Il santuario di Itsukushima simbolo del Giappone

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Costruito nella seconda metà del VI secolo, il santuario di Itsukushima, nell'isola di Miajami di fronte a Hiroshima, è stato poi ritoccato, rendendolo ancora più bello, nel 1168 da Taira-no-Kyomori. La costruzione unica e imponente domina il mare, e rappresenta un esempio delle bellezze artistiche dell’'architettura di stile Shinden.
Nel mare a una distanza di 200 metri dal santuario c'’è il O-Torii il simbolo più conosciuto di Miyajima, autentica icona del Giappone riprodotta ovunque. Il santuario è stato ufficialmente classificato come bene prezioso per il patrimonio dell’'umanità dall’ UNESCO nel dicembre del 1996.
Senjokaku è il nome popolare del salone principale del santuario di Toyokuni. E’ una biblioteca di libri buddisti che Hideyoshi Toyotomi ha cominciato a costruire nello stile di Irimoya per il riposo delle vittime della guerra. Con la sua morte si sono fermati anche i lavori e la costruzione è rimasta incompiuta. La pagoda a cinque piani, di 28 metri di altezza, è stata costruita probabilmente nel 1407. La struttura fa mostra della propria bellezza strutturale, mischiando abilmente dei modelli architettonici giapponesi e cinesi. L’immagine del Buddha è interamente dipinta a mano su un muro interno della pagoda. I prodotti dell’'artigianato tradizionale di Miyajima sono famosi in tutto il Giappone. Gli stuzzicadenti a cinque colori, i mestoli e i cucchiai per il riso, i prodotti fatti al tornio, i piatti scolpiti e decorati a mano, le terracotte e le ceramiche.