Estate e gelati. Il parere del dietista

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
GelatoCon il caldo il gelato diventa uno dei protagonisti alimentari dell’estate. Un tempo considerato solo un dessert da consumare prevalentemente nei mesi estivi, oggi è servito tutto l’anno. In questo periodo, quando la voglia di mangiarlo aumenta, è bene dargli la giusta collocazione nella dieta quotidiana, senza creare squilibri qualitativi e quantitativi del fabbisogno nutrizionale. Ecco il parere della dottoressa Martina Gozza, dietista di Humanitas.
 
Per prima cosa capiamo le differenze tra i diversi gusti. 
Le discriminanti chiave sono tre: latte, grassi vegetali e frutta. Quelli alla crema di latte contengono sia il latte che la panna: in totale fa quattro volte in più di grassi, ma anche un buon 30% in più di proteine. I gelati con i grassi vegetali, sono simili al latte ma contengono meno colesterolo con una diversa presenza di vitamine liposolubili. In più, i grassi sono di tipo diverso, perché polinsaturi. I gelati alla frutta sono costituiti da polpa di frutta, zucchero e acqua, a volte insieme al latte. Hanno un contenuto calorico minore (seppur discreto), ma anche meno proteine e calcio, anche se forniscono più vitamina C: la frutta è usata tale e quale a quelle fresca, mantenendo intatte tutte le sue caratteristiche nutritive. Per mantenersi in linea anche d’estate è ovvio che sono questi ultimi i gelati da preferire, ma sempre con moderazione.
Con tutti i tipi di gelato si introducono consistenti quantità di proteine, zuccheri e grassi. Una buona dose di fosforo e calcio.
 
Attenzione anche alla differenza tra gelato artigianale e industriale perché le differenze sono notevoli. 
I gelati artigianali o mantecati sono prodotti con una lenta incorporazione di aria, circa il 30-50 percento, durante la fase di “gelatura” della miscela e ne deriva così un gelato cremoso, morbido e, nonostante ciò, anche corposo. Il gelato industriale o soffiato, invece, nella stessa fase introduce il 100-130 percento di aria, per cui diventa molto soffice e leggero. Volendo fare per forza una scelta, resta sempre da preferire un gelato artigianale a quello industriale, che comunque è anch’esso di ottima qualità se il produttore è qualificato.
 
Frutta o creme?
Il gelato alla frutta è la scelta ideale di fine pasto. Ma non bisogna creare barriere ideologiche inutili con gli altri tipi. Le qualità del gelato al latte infatti sono molte. L’apporto energetico e nutritivo di un gelato di questo genere può sostituire uno spuntino, magari il solito panino mangiato in fretta e furia, perché non appesantisce l’organismo e contribuisce a fornire energia per riprendere efficacemente le attività di studio o lavorative. Certo non darà mai la stessa soddisfazione di un piatto di spaghetti, ma sicuramente appesantisce di meno.
 
Fondamentale leggere l’etichetta.
Sull’etichetta nutrizionale le calorie sono riferite o ai 100 grammi o alla singola porzione, in modo che il consumatore possa razionalmente inserire il gelato nel menù quotidiano. In base al diverso contenuto di nutrienti e di energia il gelato potrà trovare una collocazione diversa nell’arco della giornata. 
 
Ma cosa c'è dentro a un gelato?
Proteine 0-6%
Grassi 0-22%
Glicidi 20-50%
Sali Minerali 0,4 – 1,4%
Additivi 0,2 – 0,5%
Acqua 20-50%
Calorie 100-300 Kilocalorie per 100 grammi
 
A questo punto con un po’ di buon senso si può trovare il punto di equilibrio tra un goloso, rinfrescante, desiderabile gelato e la famigerata “prova costume”.
 
 

CARLO VEZZONI fondatore ed unico Direttore di On the Road. La redazione porterà avanti il suo progetto per affetto, memoria e perchè crede in questo lavoro.

BUON VIAGGIO DIRETTORE

Newsletter

Registrati alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato.

Collaboriamo con ...

© 2020, OnTheRoad - Developed by AgoràFutura.Net. All rights reserved.
QUADERNI DI MILANO - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE - Aut.Trib.MI n. 704 del 20/12/86

Search