• ABU SIMBEL (Egitto) - Con questo maestoso tempio Ramses II volle farsi dio.  C’è quasi riuscito.
    ABU SIMBEL (Egitto) - Con questo maestoso tempio Ramses II volle farsi dio. C’è quasi riuscito.
  • HIROSHIMA (Giappone) - L'unico edificio sopravvissuto alla potenza distruttrice dell'atomo
  • ATENE (Grecia) - Cambio della guardia al Monumento ai Caduti
    ATENE (Grecia) - Cambio della guardia al Monumento ai Caduti
  • CAMAGUEY (Cuba) - Il tempo non passava mai, ma d'ora in poi non sarà  più lo stesso
    CAMAGUEY (Cuba) - Il tempo non passava mai, ma d'ora in poi non sarà  più lo stesso
  • ZABRISKIE POINT (Usa) - California, nella Death Valley Michelangelo Antonioni gira il suo film simbolo
    ZABRISKIE POINT (Usa) - California, nella Death Valley Michelangelo Antonioni gira il suo film simbolo
  • SAN PIETROBURGO (Russia) - Tra i tesori dell'Hermitage, la fine degli Zar e l'inizio dell'Unione Sovietica
    SAN PIETROBURGO (Russia) - Tra i tesori dell'Hermitage, la fine degli Zar e l'inizio dell'Unione Sovietica
  • RAPA NUI (Cile) - I Giganti protettori della misteriosa stirpe dell'isola di Pasqua
    RAPA NUI (Cile) - I Giganti protettori della misteriosa stirpe dell'isola di Pasqua
  • RECIFE (Brasile) - Le favelas incombono sull'affascinante capitale del Pernanbuco
    RECIFE (Brasile) - Le favelas incombono sull'affascinante capitale del Pernanbuco
  • BALI (Indonesia) - E' il momento del raccolto nelle spettacolari risaie a terrazza
    BALI (Indonesia) - E' il momento del raccolto nelle spettacolari risaie a terrazza
  • AYERS ROCK (Australia) - L'enorme roccia, sacra ai Nativi australiani, impiantata nell'interminabile nulla dell'Outback
    AYERS ROCK (Australia) - L'enorme roccia, sacra ai Nativi australiani, impiantata nell'interminabile nulla dell'Outback

arretrati min

ST Sava Temple r20x  È finita sulle testate mondiali più importanti, tra copertine patinate e campagne televisive, come se fosse una diva di Hollywood: Travel Channel, National Geographic, Euronews, Tv5 Monde, Sky, CNN, BBC world, Eurosport, tutti parlano di lei. La Serbia è in cima alle classifiche delle mete dell’anno secondo i media americani.

Serbia in cima alle classifiche delle mete dell’anno secondo i media americani Il New York Times e la Cnn indicano, infatti, Belgrado e il Paese come place to be nel 2018. Nella tradizionale classifica dei “52 luoghi” dell’anno, il Times elegge Belgrado per la sua vocazione di città della notte e per le energie che emanano i nuovi luoghi del divertimento e della creatività. Il quotidiano di New York definisce la città come la grintosa “party town” d’Europa. La Cnn, il canale all news tra i più noti al mondo, sceglie invece le gole sul Danubio, il parco nazionale di Tara e le Porte di Ferro per promuovere la Serbia tra i venti luoghi del mondo ideali per una vacanza nel 2018.

Dopo aver realizzato nel 2015 un celebre servizio su Savamala, il quartiere della città vecchia che ha segnato il rinascimento di Belgrado, la Cnn consiglia un viaggio nella natura per le vacanze di primavera e estate 2018, quando è più consigliato avventurarsi tra le gole del parco di Derdap, il canyon più profondo d’Europa, e il parco nazionale di Tara, con le atmosfere fuori dal tempo degli etnovillaggi. A Belgrado invece, come suggerisce il New York Times, si respira l’atmosfera che l’ha trasformata nella nuova destinazione mondiale del divertimento, anche grazie agli spazi artistici del Kc Grad e della Galerija Štab.  Golubac fortress r15x 72p

Ma qual è il lavoro svolto dall’Ente del Turismo serbo per raggiungere questi risultati? “Stiamo portando avanti un piano di promozione che si allinea alle operazioni che fanno anche gli altri: partecipiamo alle fiere di settore, organizziamo i fam tour per i giornalisti e le agenzie di viaggi e programmiamo campagne sui mezzi di informazione - spiega Aneta Uskokovic, market manager per Italia, Spagna e Cina dell’Ente -; però bisogna anche considerare che il nostro vettore nazionale ha aperto nuove tratte e così il nostro aeroporto, il Nikola Tesla, ha avuto oltre 5 milioni di passeggeri l’anno scorso, raggiungendo un nuovo record”.
Il 2017 è stato per il Paese dei Balcani l’anno del record per l’inbound internazionale, a chiusura di un quinquennio tutto positivo: “Negli ultimi cinque anni - sottolinea la market manager - la crescita, a livello globale, è stata sempre a doppia cifra, arrivando a un 2017 senza precedenti”. L’incremento dello scorso anno è stato, infatti, del 17 per cento rispetto al 2016 con un totale di un milione e 500mila presenze e oltre 3 milioni e 200mila pernottamenti.
Un trend positivo che coinvolge anche l’Italia, da dove nel 2017 sono arrivati oltre 50mila turisti, registrando un incremento di 4 punti percentuali sul 2016 (che aveva già segnato un +7 per cento sul 2015) e oltre 115mila pernottamenti, pari al +5 sull’anno precedente.