Tipicità 2019 si congeda - Un'edizione destinata a restare

Apri lo sfogliabile

tipicità 2019 expo 235 r20x“State facendo cose bellissime. Tornerò!”. Questo il congedo di Paolo Mieli da Tipicità 2019, la ventisettesima, un’edizione che ha rappresentato una svolta epocale nella capacità del sistema Marche di presentarsi al grande pubblico.

Durante la “tre giorni” della manifestazione, nei padiglioni del Fermo Forum si è respirata un’atmosfera internazionale, con rappresentanze da otto paesi del mondo le quali hanno sviluppato relazioni con gli operatori, visitato Fermo ed il territorio regionale, scambiato esperienze con gli amministratori locali.

Oltre cento i giornalisti accreditati da tutt’Italia per l’evento e più di mille gli operatori professionali che si sono dati appuntamento a Fermo. Un vero esercito di volti noti, tra i quali Duilio Giammaria, conduttore di “Petrolio”, Barbara Serra, arrivata appositamente da Londra, lo chef “bistellato” Claudio Sadler e lo stesso Paolo Mieli, personaggi che hanno offerto spunti di grande respiro che proiettano definitivamente Tipicità nell’olimpo delle manifestazioni che contribuiscono a creare un’idea di futuro migliore.

La carica dei diecimila che ha invaso il Fermo Forum ed il centro storico della città per le iniziative “in the city”, ha preso parte ad un cartellone con oltre 130 eventi. Ben 210 gli espositori che hanno animato le aree tematiche ed il grande “Grembo” centrale, simbolo di questa ventisettesima edizione.  tipicità 2019 expo 240 r20x

 “È stata un’edizione fortemente innovativa sotto molteplici aspetti!”, questo il commento di Paolo Calcinaro, Sindaco di Fermo, nel corso della serata che ha concluso Tipicità 2019, Stoccafisso senza frontiere, un gustoso “Giro d’Italia” animato da ben dodici sodalizi giunti nelle Marche da tutto lo “Stivale”. “Questo nuovo format con un grande spazio centrale - ha proseguito Calcinaro - è stato un’idea vincente che ha reso più fruibili i padiglioni, con grande soddisfazione dei visitatori!”.

 “Un grande risultato di squadra ottenuto dall’impegno corale dei tanti enti pubblici, delle imprese partners, degli Atenei e delle associazioni - ha aggiunto il sindaco di Fermo - con un plauso speciale agli studenti degli istituti alberghieri che, con instancabile tenacia, sono stati di grande aiuto, capitalizzando un’esperienza irripetibile per il loro futuro”.

“Ci congediamo – ha dichiarato il direttore, Angelo Serri - con la soddisfazione di aver compiuto un ulteriore passo nella capacità di dar luce agli innumerevoli attrattori legati al cibo, alla manualità ed al territorio. Tipicità 2019 ha donato nuova consapevolezza agli operatori pubblici e privati della regione, ha fornito il vestito della festa a tutti quei fattori di competitività che le Marche possono esprimere sullo scenario nazionale ed internazionale!”.

“Carichi di energie positive - ha concluso Serri - dopo questa favolosa edizione 2019 ripartiamo per le tante iniziative del brand-ombrello Tipicità in Italia e all’estero!”.

Tipicità è una ricetta, unica in Italia, costituita da un network pubblico-privato guidato dal Comune di Fermo in collaborazione con Regione Marche, Università di Ancona, Camerino e Macerata, insieme ad una nutrita squadra di enti locali e con la partecipazione convinta di imprenditori, leader nei rispettivi settori, accomunati dal “valore territorio”.  tipicità 2019 expo 137 r20x

 

E’ abbastanza facile descrivere la manifestazione ‘Tipicità’, giunta quest’anno alla sua ventisettesima edizione.  Si tratta dell’unica rassegna in Italia dove un’intera regione, le Marche, offre una panoramica sul meglio di sè, spaziando dalle proprie opportunità turistiche, alle eccellenze produttive, alla consistenza istituzionale e, naturalmente, alla varietà e qualità delle ricchezze enogastronomiche, che la fanno da padron di casa.

Come si suol dire, facile a dirsi ma difficile a farsi.  E questo è proprio il bello di questa rassegna, che si distingue per la sua continuità nel tempo e per la sua costante crescita in termini di esposizione e partecipazione, ma anche in fatto di apertura al mondo, per cui negli ultimi anni abbiamo assistito a una sorta di gemellaggio con parecchie realtà esterne, dal Sudafrica alla Grecia, interessate ad assaggiare e condividere la tavolata marchigiana.  E non ci dispiacerebbe se altre realtà italiane volessero recepire il format e duplicarlo secondo le loro particolarità.

E, per l’aspetto ‘difficile a farsi’, va dato merito a due soggetti.

Il primo è indiscutibilmente la persona dell’ideatore, Angelo Serri, che con fantasia e intelligenza, ha tenacemente insistito sulla bontà della sua creazione, passando dai primi esperimenti realizzati in rustici capannoni, più simili ai mercatini di quartiere che a una grande fiera, alla manifestazione di adesso, che è insieme produttiva e culturale, appetitosa e modaiola, genuina e sofisticata.

Il secondo è l’habitat fisico e umano delle Marche, che ha messo a disposizione spazi e risorse senza badare al ritorno immediato, ma puntando su una promozione che non può non ragionare e lavorare sulle prospettive di largo respiro, più che sulla grammatica di bottega.

Visto poi che siamo al centenario de ‘L’infinito’, composizione che magistralmente oppone la siepe del proprio giardino all’immensità della realtà esterna, immaginiamo pure che dall’ermo colle, Giacomo Leopardi abbia intravisto qualcosa che assomigliava anche un po’ alla tavolozza di Tipicità.  Va beh…

c.v.

tipicità 2019 expo 155 m r20x ab

Info: 0734/277893, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.tipicita.it

CARLO VEZZONI fondatore ed unico Direttore di On the Road.
La redazione porterà avanti il suo progetto per affetto, memoria e perchè crede in questo lavoro.

BUON VIAGGIO DIRETTORE

Newsletter

Registrati alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato.

Collaboriamo con ...

© 2019, OnTheRoad - Developed by AgoràFutura.Net. All rights reserved.
QUADERNI DI MILANO - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE - Aut.Trib.MI n. 704 del 20/12/86

Search