• ABU SIMBEL (Egitto) - Con questo maestoso tempio Ramses II volle farsi dio.  C’è quasi riuscito.
    ABU SIMBEL (Egitto) - Con questo maestoso tempio Ramses II volle farsi dio. C’è quasi riuscito.
  • HIROSHIMA (Giappone) - L'unico edificio sopravvissuto alla potenza distruttrice dell'atomo
  • ATENE (Grecia) - Cambio della guardia al Monumento ai Caduti
    ATENE (Grecia) - Cambio della guardia al Monumento ai Caduti
  • CAMAGUEY (Cuba) - Il tempo non passava mai, ma d'ora in poi non sarà  più lo stesso
    CAMAGUEY (Cuba) - Il tempo non passava mai, ma d'ora in poi non sarà  più lo stesso
  • ZABRISKIE POINT (Usa) - California, nella Death Valley Michelangelo Antonioni gira il suo film simbolo
    ZABRISKIE POINT (Usa) - California, nella Death Valley Michelangelo Antonioni gira il suo film simbolo
  • SAN PIETROBURGO (Russia) - Tra i tesori dell'Hermitage, la fine degli Zar e l'inizio dell'Unione Sovietica
    SAN PIETROBURGO (Russia) - Tra i tesori dell'Hermitage, la fine degli Zar e l'inizio dell'Unione Sovietica
  • RAPA NUI (Cile) - I Giganti protettori della misteriosa stirpe dell'isola di Pasqua
    RAPA NUI (Cile) - I Giganti protettori della misteriosa stirpe dell'isola di Pasqua
  • RECIFE (Brasile) - Le favelas incombono sull'affascinante capitale del Pernanbuco
    RECIFE (Brasile) - Le favelas incombono sull'affascinante capitale del Pernanbuco
  • BALI (Indonesia) - E' il momento del raccolto nelle spettacolari risaie a terrazza
    BALI (Indonesia) - E' il momento del raccolto nelle spettacolari risaie a terrazza
  • AYERS ROCK (Australia) - L'enorme roccia, sacra ai Nativi australiani, impiantata nell'interminabile nulla dell'Outback
    AYERS ROCK (Australia) - L'enorme roccia, sacra ai Nativi australiani, impiantata nell'interminabile nulla dell'Outback

arretrati min

vigevano2 r10x 72pVigevano rende omaggio a Leonardo da Vinci, il grande genio, che a 500 anni dalla sua scomparsa, continua a essere uno dei personaggi più conosciuti e ammirati della storia dell’umanità. Artista, ingegnere, architetto, naturalista, stratega militare, è il più grande scienziato di tutti i tempi. Con un ricco programma di mostre e iniziative, che inizieranno ad aprile e proseguiranno per tutto il 2019, si celebrerà nella storica cittadina lombarda il V centenario della morte dell’artista. Vigevano ha infatti partecipato ai tavoli di coordinamento delle attività per l’anno leonardiano (uno gestito dal Comune di Milano e uno gestito dal Comune di Vinci), ottenendo così il riconoscimento ufficiale del legame tra la città ducale e Leonardo.

L’artista soggiornò diverse volte a Vigevano, percorrendo le campagne circostanti e prendendo appunti sui suoi taccuini sulle scale d’acqua, sui mulini, sul modo di sotterrare le vigne e sulle stalle che ospitavano i cavalli del Duca. Leonardo, nel disegnare la città ideale, si ispirò a Vigevano dove il Castello e la Piazza Ducale costituiscono un possibile modello architettonico di moderno sviluppo urbano.

L’anno dedicato a Leonardo apre ufficialmente il 14 aprile 2019: per l’occasione, Vigevano rievocherà i fasti rinascimentali, con l’allestimento del Borgo Antico all’interno del cortile del Castello. Sarà inoltre possibile gustare un pranzo rinascimentale. Nel pomeriggio, il sagrato del Duomo sarà teatro di una speciale “Intervista con Leonardo” a cura del professor Simone Ferrari: un dialogo “impossibile” e spettacolare pensato per guidare gli spettatori in un viaggio alla scoperta del genio vinciano. Il programma delle celebrazioni continua nella Cavallerizza del Castello, con uno spettacolo teatrale e a seguire un apericena con musica dal vivo e danze rinascimentali. La giornata si chiude con uno spettacolo di fuochi artificiali.

L’omaggio a Leonardo da Vinci prosegue con un ricco programma di eventi, mostre e iniziative: dal 18 maggio al 20 ottobre, le Scuderie del Castello ospiteranno la mostra “Leonardo Da Vinci e Guido da Vigevano: anatomia in figure”. Leonardo ha infatti compiuto i suoi studi e realizzato i disegni anatomici più significativi in Lombardia, tra Milano e Pavia, e la sua intenzione di rappresentare in ‘figure’ l’intera struttura del corpo umano ha un precedente in Guido da Vigevano, autore del trattato “Anothomia designata per figuras” (1345 c. ). L’esposizione sarà dunque incentrata su alcune sculture in ceroplastica, riproduzioni in tre dimensioni dei soggetti anatomici leonardiani più significativi: le opere aiuteranno i visitatori a cogliere pienamente l’intenzione rappresentativa del grande artista.

A partire da giugno, sarà inoltre possibile percorrere un itinerario leonardiano, disponibile su app oppure raccontato da guide turistiche specializzate, che parte da Piazza Ducale e dal Castello per arrivare fino al Mulino di Mora Bassa (dove è attiva la mostra dei modelli in scala delle macchine di Leonardo), e alla Frazione Sforzesca, con prima tappa al Colombarone, la fattoria modello di fine ‘400.

Il programma dell’anno vinciano prosegue in autunno: il 20 e 21 settembre 2019 si terrà la cerimonia ufficiale di consegna dei riconoscimenti del “Premio Leonardo da Vinci”, un concorso internazionale istituito dall’Amministrazione Comunale di Vigevano per valorizzare gli studi su Leonardo pubblicati negli ultimi anni. L’iniziativa è rivolta a studiosi da tutto il mondo che possono presentare, entro il 30 aprile 2019, i propri scritti in diverse lingue: una giuria di esperti esaminerà i lavori pervenuti, assegnando al migliore un premio in denaro di € 5000.

Dal 4 ottobre 2019 al 6 gennaio 2020, la mostra “Nel segno di Bramante e Leonardo: alcuni esempi tra Milano, Vigevano e il Piemonte”, allestita all’interno della Pinacoteca, analizzerà l’influenza dell’opera di Leonardo e Bramante su diversi artisti: l’esposizione ospiterà una selezione di dipinti originali raccolti dai Musei e dalle collezioni private internazionali.comune di vigevano

Anche le scuole saranno coinvolte nel programma di celebrazioni, con uno spettacolo teatrale e un ciclo di conferenze tenute da esperti di studi leonardiani. Il 12 marzo è infatti in programma al teatro Cagnoni (alle ore 10. 30 per i ragazzi e alle 21 per tutti) lo spettacolo “Il volo di Leonardo”, creato e prodotto dalla compagnia All Crazy: linguaggio accattivante, costumi rinascimentali dal gusto moderno, proiezioni mozza?ato e musiche dal sapore contemporaneo saranno i protagonisti di un viaggio alla scoperta di Leonardo capace di affascinare grandi e piccoli.
Sempre nel mese di marzo, sono in programma nelle Scuderie del Castello le conferenze di approfondimento su Leonardo da Vinci riservate agli studenti: tra i temi analizzati, “Capire Leonardo. Un viaggio semplice ma indispensabile attraverso le parole chiave del suo linguaggio” e “Leonardo: perché è un genio? Perché è considerato tale? Come facciamo a capire che è più bravo degli altri?”.

La città ducale offre l’opportunità di approfondire l’opera di Leonardo da Vinci anche attraverso Leonardiana: il Museo, ospitato all’interno del maschio del Castello, propone un percorso tra la vita e le opere del genio vinciano presentate attraverso l’utilizzo di tecnologie multimediali e interattive. Il progetto per l’allestimento di Leonardiana, firmato dallo studio Migliore+Servetto, è stato premiato con il Compasso D’Oro ADI nel 2018.

Un tributo al grande artista anche con l’arte al cinema: solo nei giorni 18, 19 e 20 febbraio 2019 verrà proiettato nelle sale cinematografiche italiane il film evento dedicato a Leonardo da Vinci.
Il film ricompone in esclusiva e per la prima volta al mondo le pagine dei Codici, completamente digitalizzati e analizzati grazie all’intelligenza artificiale, e lasciatici dall’artista in una prospettiva del tutto nuova che mostra le implicazioni contemporanee del suo immenso lavoro. Con il contributo di esperti internazionali e di un pool di ingegneri e tecnici, il racconto proietta una luce inedita sulle osservazioni e gli studi del genio che da secoli affascina intere generazioni.
La regia è di Francesco Invernizzi. Il film evento è stato prodotto da Magnitudo Film e distribuito in collaborazione con Chili. (Per info: www. magnitudofilm. com)
Silvia Donnini