Pittura europea dagli anni ’80 a oggi

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La Fondazione Stelline anche per tutto il 2012 continua del suo ciclo espositivo che fa dialogare collezioni private d’arte contemporanea e istituzioni pubbliche, in sintonia con le richieste di un pubblico sempre più numeroso e interessato. Fino alla fine dell'anno sono esposte 25 grandi opere dalla Collezione Alessandro Grassi, selezionate sul tema della pittura europea dagli anni Ottanta a oggi.
La mostra di questo importante nucleo della Collezione Alessandro Grassi, - afferma Camillo Fornasieri, presidente della Fondazione Stelline – ci permette di continuare nel nostro progetto di rendere la Fondazione Stelline un luogo vivo 365 giorni all’anno, un punto di riferimento costante per l’offerta di qualità nel panorama non solo cittadino. 'Collezioni alle Stelline' è un progetto pensato per disporre il Palazzo a ricevere e condividere una nuova conoscenza, quella di opere del recente passato raccolte e collegate dalla predilezione del collezionista”. A due anni di distanza dalla scomparsa di Alessandro Grassi, la Fondazione Stelline di Milano accoglie queste opere all’interno degli spazi dello storico palazzo milanese in deposito temporaneo fino alla fine 2012. Con i suoi scaloni monumentali e i chiostri, la Fondazione Stelline diventa una casa, un luogo dove incontrarsi e sostare per ammirare le tracce dell’espressività umana, un luogo capace di dare supporto al valore pubblico dell’impegno di persone, artisti e collezionisti di tutto il mondo. La collezione Grassi comprende opere italiane ed europee che testimoniano la ricchezza del panorama artistico dalla Transavanguardia alla giovane pittura del nostro paese, passando attraverso i grandi sperimentatori internazionali.
Opere di Stefano Arienti, John Armleder, Pierpaolo Calzolari, Sandro Chia, Marco Cingolani, Enzo Cucchi, Walter Dahn, Marta Dell’Angelo, Marlene Dumas, Rainer Fetting, Markus Lupertz, Margherita Manzelli, Luca Pancrazzi, A.R. Penck, e altri ancora sono esposti n uno dei luoghi più affascinanti di Milano: i chiostri e gli scaloni d’onore della Fondazione Stelline, a pochi passi da Santa Maria delle Grazie.
Giorgio Verzotti, nel saggio della pubblicazione sulla collezione, ricorda quanto fosse fondamentale il colore per Alessandro Grassi, al punto che proprio questo era l’elemento determinante e discriminante che guidava le sue scelte, prima della bellezza della pittura e dell’interesse per il tema trattato. Non stupisce allora la sua predilezione di collezionista si sia indirizzata soprattutto agli anni Ottanta, l’epoca della riscoperta della pittura e in generale di una forma d’arte basata sui valori emozionali, principalmente veicolati dal colore.

CARLO VEZZONI fondatore ed unico Direttore di On the Road. La redazione porterà avanti il suo progetto per affetto, memoria e perchè crede in questo lavoro.

BUON VIAGGIO DIRETTORE

Newsletter

Registrati alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato.

Collaboriamo con ...

© 2021, OnTheRoad - Developed by AgoràFutura.Net. All rights reserved.
QUADERNI DI MILANO - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE - Aut.Trib.MI n. 704 del 20/12/86

Search