Ostelli di Lombardia, un'occasione unica

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L’Assessore allo Sport e Giovani di Regione Lombardia, Filippo Grassia, ha presentato i risultati, gli sviluppi e le nuove attività in programma per tutto il 2013, del progetto HostelLombardia, lanciato dalla Regione Lombardia lo scorso anno, volto a creare e offrire nuove opportunità turistiche e di accoglienza in chiave low cost. Tra le attività che partiranno già in questi primi mesi: un road show - che avrà luogo in 4 città lombarde - l’ideazione di un concorso dedicato, la partecipazione alla Borsa Italiana del Turismo e infine vari eventi sul territorio lombardo per tutto l’anno.
Il road show ha già interessato le città di Como, Brescia, Mantova nelle giornate di sabato 26 gennaio, 2 e 9 febbraio 2013 e la città di Milano sempre a febbraio in data da definire. Nelle piazze cittadine saranno allestiti degli stand per distribuire materiali informativi sulla rete degli ostelli e offrire degustazioni di prodotti tipici del territorio lombardo, in collaborazione con i produttori locali. A supporto dell’iniziativa è stato anche ideato un concorso che verrà veicolato con una cartolina da compilare e consegnare presso lo stand di Hostel Lombardia alla BIT per partecipare all’estrazione del premio finale in fiera. Il premio consisterà in un buono di pernottamento in uno degli ostelli della rete, valido per due notti per due persone in camera privata e prima colazione inclusa.
Durante i giorni della Borsa Internazionale del Turismo, operatori del settore ed utenti finali potranno conoscere presso lo stand nel dettaglio i percorsi e gli oltre 50 ostelli ad oggi già attivi in tutta la Regione (destinati a diventare 80 entro il 2013), mostrandone gli standard qualitativi di alto livello in linea con le migliori strutture europee. Gli ostelli lombardi sono infatti dotati di sale attrezzate a uso comune, spazi destinati a incontri pubblici o a momenti ludici, bagni privati in quasi tutte le stanze, camere anche a uno, due o quattro letti, rete wi-fi e ausili per i disabili. Oltre ad essere accoglienti, sicuri, puliti e ordinati, sono spesso immersi nel verde e hanno ampi spazi all’aperto ideali per una vacanza “green”.
“Questo progetto iniziato dai miei predecessori trova la sua completa realizzazione quest’anno raggiungendo gli obiettivi che la Regione Lombardia si era prefissata e confermandosi quale modello virtuoso sul fronte della promozione di un’immagine rinnovata e di qualità di queste strutture, fondamentali per lo sviluppo del turismo giovanile e delle famiglie”, ha dichiarato l’Assessore allo Sport e Giovani di Regione Lombardia, che ha poi sottolineato: “Abbiamo fermamente creduto in questo progetto, realizzato con grande professionalità, impegno e passione dallo staff della Direzione Generale Sport e Giovani”.
La “formula ostello” offre infatti in Lombardia l’opportunità di scegliere una formula di accoglienza low cost in alternativa a quelle più tradizionali, all’insegna di ciò che si può definire unconventional hospitality. “Il nuovo concetto di ostelli è molto apprezzato sia dal turista italiano sia da quello straniero”, anche secondo un sondaggio di opinione condotto dall’Istituto Piepoli, da cui sono emersi dati interessanti sul profilo dei turisti che scelgono questa tipologia di sistemazione: non solo giovanissimi in cerca di una vacanza low-cost, ma anche adulti alla ricerca di relax, benessere, divertimento e turismo culturale.
Gli ostelli lombardi, oltre a dare accoglienza, offriranno anche le informazioni sui numerosi percorsi ed attività per il tempo libero identificati in collaborazione con il Touring Club Italia, per consentire agli utenti di scoprire il vasto patrimonio paesaggistico, culturale, religioso ed enogastronomico della Lombardia.
Il Touring Club Italia ha individuato ad oggi ben 10 itinerari turistici: “il Cammino di Sant’Agostino”, “la Via Francigena”, “i Parchi di Lombardia” e “le Strade dei Vini e dei Sapori”, “Da lago a lago”, “Valtellina e Valchiavenna a tutto sport”, “Benessere e terme nella provincia di Bergamo”, “Oltrepo Pavese da gustare”, “Arte, Letteratura e Musica tra Cremona e Mantova” e “Natura e Archeologia in Valcamonica”.

La Lombardia, nel corso dei millenni, è stata un crocevia di culture differenti che, interagendo tra loro hanno caratterizzato il profilo attuale, rendendola una regione dall’offerta turistico-culturale poliedrica. La Lombardia è la regione d’Italia con la più alta concentrazione di siti Unesco Patrimoni mondiali dell’Umanità: ben nove, dall’archeologia preistorica delle incisioni rupestri camune, all’archeologia industriale del villaggio operaio di Crespi d’Adda, dalla raffinatezza pittorica del Cenacolo di Leonardo al vigore espressivo dei Sacri Monti, dalle bellezze naturali attraversate dalla Ferrovia Bernina a quelle architettoniche di Mantova e Sabbioneta, alla ricchezza del patrimonio del Monte San Giorgio e dei Siti palafitticoli dell’Arco Alpino.  A questo si aggiungono fiumi, laghi, canali, montagne, parchi naturali, campagne, vigneti, città d’arte, siti archeologici, antichi borghi, castelli, luoghi di culto, fiere, eventi, sport, musica e molto altro ancora.  Ecco perché la Lombardia deve essere considerata una destinazione turistica d’eccellenza, con un patrimonio culturale incredibile e una ricchezza di proposte estremamente interessanti, da vivere tutto l’anno.  L’offerta turistica può essere suddivisa in percorsi con l’intento di promuovere al meglio il territorio regionale nelle sue peculiarità. In quest’ambito va a inserirsi il progetto relativo alla creazione della rete di ostelli la cui offerta viene anch’essa divisa in percorsi tematici. Questa rete va intesa sì come luoghi di ritrovo, di soggiorno e di realizzazione di eventi, ma anche e soprattutto come risposta attiva della Regione alla sempre crescente richiesta degli utenti.  Le caratteristiche base che ogni ostello del network deve rispettare, sono imposte dalla Regione in modo da rivalutare completamente l’idea e la percezione comune che il consumer ha di “ostello”. Prima di tutto, l’ostello è una struttura accogliente, pulita, sicura e ordinata, punto di partenza ideale per scoprire il territorio. E’ stata data altresì una grande importanza all’idea di vacanza “green”, dato che molte strutture sono immerse nel verde e hanno ampi spazi all’aperto. Gli ostelli sono luoghi di aggregazione, in cui incontrare persone o compagni di viaggio, strutture pensate per le famiglie, ma anche luoghi sicuri per donne che viaggiano sole o con i loro bambini.

Per conoscere tutti gli ostelli e i percorsi turistici dedicati, visitare il sito: 

www.hostellombardia.net