Sassonia ricca di belle città, non solo Dresda e Lipsia...

 

La regione numero uno in Germania per beni culturali offre ovunque spunti irresistibili per una vacanza di evasione all’insegna di arte, musica, storia ma anche svago, relax e divertimenti
Meissen

Il fascino della Sassonia non si concentra solo nelle grandi città di Dresda, Lipsia o Chemnitz. In tutte le regioni, dal Vogtland all’Alta Lusazia, aleggiano atmosfere millenarie e si conservano testimonianze di un passato ricco e glorioso. Importanti secoli di storia in Sassonia ci lasciano in eredità un firmamento di borghi affascinanti da visitare, tutti diversi e unici nel loro genere per caratteristiche geografiche, storiche, artistiche e culturali. Vediamone alcune.

Meissen. Raggiungibile da Dresda anche in bicicletta seguendo la via ciclabile del fiume Elba, Meissen vi aspetta con più di 1000 anni di storia, il castello di Albrechtsburg (il più antico della Germania), il Duomo gotico, la manifattura della porcella del celebre marchio MEISSEN e i deliziosi vini sassoni dei suoi vigneti. Il cuore del centro storico di Meissen è attraversato da un dedalo di stretti vicoli medioevali che è un piacere percorrere fino alla Burgberg. La vista dall’alto è caratterizzata da spioventi tetti rossi di forma irregolare, da deliziose case rinascimenti, romantici cortili e botteghe, mentre all’orizzonte si profila la verdeggiante e fluviale Valle dell’Elba.

Pirna. Tra Dresda e la Svizzera Sassone, la Valle dell’Elba si fa particolarmente bucolica. Alle porte di questa straordinaria natura da esplorare, c’è Pirna, vivace cittadina famosa per essere stata dipinta dal pittore veneziano Bernardo Bellotto. La veduta immortala la Marktplatz da cui comincia passeggiata nel passato verso il Municipio, la casa di Canaletto e la Chiesa di St. Marien, con un fonte battesimale in pietra di arenaria, vero gioiello. Pirna è la porta d’accesso del Parco Nazionale della Svizzera Sassone, che offre varie opportunità di fare sport, arrampicata e trekking: il più famoso è il sentiero del Malerweg (dei pittori romantici). Da Pirna si può inoltre prendere uno dei piroscafi a pale della storica flotta "Sächsische Dampfschiffahrtsgesellschaft” ed esplorare la romantica Valle dell'Elba.

Grimma JuttaparGrimma. Lipsia dista appena una venitina di chilometri ma Grimma giace in un paradiso di pace e tranquillità. Da sempre considerata rifugio nella quiete dai sovrani di Sassonia e da uomini di cultura. Colpiscono in particolare il Municipio dal frontone rinascimentale, la Frauenkirche con le sue due torri, il collegio St. Augustin e il ponte in pietra sul fiume Mulde, firmato dall’architetto Poppelmann, lo stesso dello Zwinger di Dresda. Non lontano dal centro si possono visitare le rovine del monastero medioevale di Nimbschen, dove visse Katharina von Bora, prima di convertirsi al Protestantesimo e di sposare Lutero.


Città di confine in Alta Lusazia:

Görlitz. È la città più orientale della Germania da visitare per ripercorrere mezzo millenio di architettura europea e per ammirare il patrimonio di palazzi sapientemente restaurati, che vanno dal tardogotico al barocco, dal rinascimento al liberty. L’intero nucleo storico ed edifici come lo Stadttheater, il mercato coperto e la stazione ferroviaria testimoniano l’epoca fiorente di Görlitz. Da non perdere la Chiesa di San Pietro e Paolo con lo splendido “Sonnenorgel” (organo del sole) e il "Kulturhistorisches Museum" per saperne di più sulla storia della città. Ma Görlitz prende anche l’appellativo di Görliwood, meglio conosciuta nel mondo per essere la città dei film, set cinematografico di grandi pellicole internazionali, che ha conquistato registi come Tarantino e Wes Anderson. Attraversato il ponte Friedensbrücke (il ponte della pace) che scavalca il fiume Naisse, si arriva a Zgorzelec, la città gemella polacca di Görlitz, che dal 1998 è idealmente riunita a Görlitz sotto il titolo di Europastadt Görlitz| Zgorzelec, nell’intento di creare un’unica realtà incurante del confine politico e permeata da una frizzante atmosfera tedesco-polacca. Ogni estate Görlitz e Zgorzelec si trasformano per tre giorni in un fantasioso palcoscenico teatrale con il festival di teatro di strada ViaThea.

Zittau. Là dove i confini di Germania, Polonia e Repubblica Ceca si incntrano, sorge Zittau. Lungo i suoi antichi vicoli si percorrono 750 anni di storia e ci si cala in un’epoca in cui la città, grazie al commercio e alla damascatura era ricca e potente. I tessuti pregiati hanno fatto la storia di Zittau, che ancora oggi ne conserva esemplari di grande valore, come per esempio due veli quaresimali di epoca medievale. Il più notevole è il Grande Velo del 1472 impreziosito da 90 scene della Bibbia ed esposto nel Museo della Chiesa di Santa Croce. L’altro velo, più piccolo ma non meno pregiato, risalente al 1573, è conservato nel Kulturhistorische Museum, all’interno del Franziskanerkloster. Entrambe le sedi espositive si trovano sulla strada turistica nota come Via Sacra. Il centro storico, perfettamente conservato, è un capolavoro a cominciare dal Municipio e dalla Chiesa di St. Johannis con una torre panoramica alta 60 metri. Per una fuga nel verde, bisogna andare sui Monti di Zittau, paradiso dei trekker, raggiungibile con la ferrovia a scartamento ridotto a bordo di treni a vapore.


Città minerarie nei Monti Metalliferi:

Freiberg. Questa piccola città porta ancora evidenti tracce del fiorente passato legato all’estrazione dell’argento. Intorno al centro storico ci sono ancora oltre 550 fabbricati, oggi monumenti cittadini, che testimoniano quest’era mineraria. Tra questi il castello Freudenstein, custode dell’eccezionale mostra Terra Mineralia, la collezione privata più grande al mondo con oltre 3500 minerali e pietre preziose provenienti da ogni angolo del pianeta.
Le miniere si possono visitare, tra cui la più grande e antica della Sassonia, scegliendo diversi percorsi e scendendo anche fino a 180 metri sotto terra. Momento clou dell’anno per conoscere le tradizioni e la dura vita dei minatori è l’Avvento, periodo in cui si tengono le tradizionali parate delle corporazioni dei minatori in cui si rievoca il loro forte desiderio di luce.

Annaberg-Buchholz. Splendidamente situata sullo sfondo dei Monti Metalliferi, Annaberg-Buchholz è una cittadina mineraria ricca di tradizioni uniche e artigianato di pregio. L’estrazione dell’argento nel XIV secolo portò molta ricchezza e furono edificate importanti chiese come la chiesa di St. Annen famosa per l’altare dipinto con scene di vita dei minatori. Alla fine dell’epoca mineraria seguì quella dell’intaglio del legno, diventata un’arte esportata in tutto il mondo. Proprio nel centro di Annaberg-Buchholz, la Fabbrica dei Sogni introduce i visitatori nel mondo dell'arte popolare dei Monti Metalliferi, alla scoperta di oltre 1.500 oggetti di legno intagliati a mano, tra cui le famose decorazioni natalizie della regione.

La Redazione

Excepteur ipsum dolor amet consectetur adipisicing elit sed eiusmod tempor incid labore eta dolore magna aliqua.

PER SEMPRE DIRETTORE

Newsletter

Registrati alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato.

Collaboriamo con ...

© 2019, OnTheRoad - Developed by AgoràFutura.Net. All rights reserved.
QUADERNI DI MILANO - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE - Aut.Trib.MI n. 704 del 20/12/86

Search